Apollonio Rodio e il ‘comando burbanzoso’ di Omero alla dea