UNa trappola di parole. Lettura del "Pasticciaccio" di Gadda