Ha ancora senso riproporre la questione della comunicabilità, dell’accessibilità e della piena intelligibilità del diritto a tanti anni di distanza da quando, con l’illuminismo giuridico, prima, e con la grande “svolta linguistica”, poi, essa si è imposta all’attenzione di filosofi del diritto, giuristi, operatori giuridici? E' a tale interrogativo che si tenta di dare una risposta nelle pagine di questo libro, nelle quali le angolature da cui il problema è stato in genere preso in considerazione sono integrate non trascurando il modo in cui esso si manifesta nell’esperienza quotidiana e guardando anche a come è stato mirabilmente rappresentato in sede letteraria, ove si ha quasi l’impressione, solo all’apparenza paradossale, che proprio la trasfigurazione fantastica che ne è stata offerta possa consentire di coglierne gli aspetti più profondi e significativi. L’ipotesi che parrebbe emergerne è che la perdurante attualità della questione sia connessa a un non superato (non superabile?) dato di fatto: l’impenetrabilità della legge e l’oblio della genesi del suo linguaggio sembrano solo l’altra faccia della medaglia di una sostanziale estraneità/lontananza del diritto rispetto ai suoi destinatari ultimi e, al contempo, alimentano la domanda di giustizia di quanti "sentono" i propri diritti, ma trovano insormontabili difficoltà allorché cercano di esprimerli in forma linguistica, vale a dire proprio quando ad essi hanno bisogno di dar voce.

L'abbaglio della legge. Riflessioni in tema di diritto, linguaggio e comunicazione

Ilario Belloni
2020-01-01

Abstract

Ha ancora senso riproporre la questione della comunicabilità, dell’accessibilità e della piena intelligibilità del diritto a tanti anni di distanza da quando, con l’illuminismo giuridico, prima, e con la grande “svolta linguistica”, poi, essa si è imposta all’attenzione di filosofi del diritto, giuristi, operatori giuridici? E' a tale interrogativo che si tenta di dare una risposta nelle pagine di questo libro, nelle quali le angolature da cui il problema è stato in genere preso in considerazione sono integrate non trascurando il modo in cui esso si manifesta nell’esperienza quotidiana e guardando anche a come è stato mirabilmente rappresentato in sede letteraria, ove si ha quasi l’impressione, solo all’apparenza paradossale, che proprio la trasfigurazione fantastica che ne è stata offerta possa consentire di coglierne gli aspetti più profondi e significativi. L’ipotesi che parrebbe emergerne è che la perdurante attualità della questione sia connessa a un non superato (non superabile?) dato di fatto: l’impenetrabilità della legge e l’oblio della genesi del suo linguaggio sembrano solo l’altra faccia della medaglia di una sostanziale estraneità/lontananza del diritto rispetto ai suoi destinatari ultimi e, al contempo, alimentano la domanda di giustizia di quanti "sentono" i propri diritti, ma trovano insormontabili difficoltà allorché cercano di esprimerli in forma linguistica, vale a dire proprio quando ad essi hanno bisogno di dar voce.
Belloni, Ilario
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
L'abbaglio della legge_BELLONI.pdf

solo utenti autorizzati

Descrizione: versione elettronica del libro (e-book)
Tipologia: Versione finale editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 3.44 MB
Formato Adobe PDF
3.44 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11568/1057367
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact