Retorica e potere. Una lettura del Gorgia di Platone