Il volume apre la collana con la quale la Consulta del Greco raccoglie, riviste dopo il dibattito, le relazioni preparate da giovani allievi del Dottorato per il seminario che, in occasione del suo incontro in assemblea, organizza di anno in anno, nel desiderio di costruire un ponte con il futuro della ricerca in Italia. Tema per il seminario, il 2 dicembre del 2016, la produzione letteraria di età ellenistica. In questo ambito, Pietro Massari offre un esame di due passi paralleli nel II e nel IV libro delle Argonautiche per mostrare un sottile gioco allusivo fra toponimi, Monti Cerauni e Caucaso, in rapporto con il culto di Dioniso per un omaggio al sovrano, Tolemeo Filadelfo. Il contributo di Martina Peloso indica in due protagonisti delle Argonautiche, Medea e Ila, la riflessione, paragonata con pagine di Galeno e con l'Idillio XIII di Teocrito, sulla tormentata transizione dall'età puberale al periodo di maturità piena. Marco Donato affronta un motivo, il temibile quanto irritabile sciame di vespe, che trova già spazio nel XII e nel XVI libro dell'Iliade, in passi delle Vespe di Aristofane, in particolare la prima parabasi, e giunge nell'Erissia, il dialogo del corpus di Platone. Il contributo di Ambra Tocco ricava dal commento di Porfirio al trattato sugli Harmonica di Tolemeo documenti sulla teoria musicale di età ellenistica. Antonella Fusari torna sulle redazioni del Peana di Eritre, per scorgere la matrice ultima nel culto di Asclepio ad Epidauro. Il contributo di Matteo Rossetti, infine, sottolinea l'impianto didascalico dei Fenomeni di Arato e illustra la puntuale funzione degli appelli al destinatario.

Poesia e prosa di età ellenistica. In memoria di Roberto Pretagostini

Mauro Tulli
2017

Abstract

Il volume apre la collana con la quale la Consulta del Greco raccoglie, riviste dopo il dibattito, le relazioni preparate da giovani allievi del Dottorato per il seminario che, in occasione del suo incontro in assemblea, organizza di anno in anno, nel desiderio di costruire un ponte con il futuro della ricerca in Italia. Tema per il seminario, il 2 dicembre del 2016, la produzione letteraria di età ellenistica. In questo ambito, Pietro Massari offre un esame di due passi paralleli nel II e nel IV libro delle Argonautiche per mostrare un sottile gioco allusivo fra toponimi, Monti Cerauni e Caucaso, in rapporto con il culto di Dioniso per un omaggio al sovrano, Tolemeo Filadelfo. Il contributo di Martina Peloso indica in due protagonisti delle Argonautiche, Medea e Ila, la riflessione, paragonata con pagine di Galeno e con l'Idillio XIII di Teocrito, sulla tormentata transizione dall'età puberale al periodo di maturità piena. Marco Donato affronta un motivo, il temibile quanto irritabile sciame di vespe, che trova già spazio nel XII e nel XVI libro dell'Iliade, in passi delle Vespe di Aristofane, in particolare la prima parabasi, e giunge nell'Erissia, il dialogo del corpus di Platone. Il contributo di Ambra Tocco ricava dal commento di Porfirio al trattato sugli Harmonica di Tolemeo documenti sulla teoria musicale di età ellenistica. Antonella Fusari torna sulle redazioni del Peana di Eritre, per scorgere la matrice ultima nel culto di Asclepio ad Epidauro. Il contributo di Matteo Rossetti, infine, sottolinea l'impianto didascalico dei Fenomeni di Arato e illustra la puntuale funzione degli appelli al destinatario.
978-88-6227-960-4
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/1060515
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact