«Non poteva staccarsene senza lacerarsi». Per una genealogia del romanzo familiare italiano