Un solo mondo, un solo diritto?