L'intervento è focalizzato sull'opera poetica di Alfonso de' Pazzi detto l'Etrusco, autore fiorentino di metà Cinquecento che ebbe un ruolo fondamentale all'interno dell'Accademia Fiorentina. Se ne studia il singolare codice linguistico, e la peculiare declinazione spirituale e morale del genere burlesco, accanto al consueto uso del "vituperium" (in particolare contro Benedetto Varchi).

Politica, arte e religione nella poesia dell'Etrusco (Alfonso de' Pazzi)

MASI, GIORGIO
2007

Abstract

L'intervento è focalizzato sull'opera poetica di Alfonso de' Pazzi detto l'Etrusco, autore fiorentino di metà Cinquecento che ebbe un ruolo fondamentale all'interno dell'Accademia Fiorentina. Se ne studia il singolare codice linguistico, e la peculiare declinazione spirituale e morale del genere burlesco, accanto al consueto uso del "vituperium" (in particolare contro Benedetto Varchi).
978-88-8247-209-2
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/111598
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact