La Grecia arcaica e classica ha elaborato riti che rispondono in modo efficace al trauma della morte. L’intera comunità si misura costantemente con i rischi e i vantaggi che possono derivarne, adeguandoli nel tempo alle proprie esigenze. L’evento luttuoso non è mai oggetto di tabù, come accade nel mondo moderno, e può anzi divenire strumento delle ambizioni degli eredi o della propaganda dello stato. Questo volume ripercorre ritualità e convenzioni funerarie greche, di cui illustra i presupposti culturali e religiosi, e soprattutto evidenzia come si vada trasformando l’immagine del destino oltremondano. Soffermandosi poi sulle strategie della memoria, mette a fuoco la tensione fra istanze familiari e pubbliche, ma anche gli usi politico-ideologici della morte e del lutto nel quadro della formazione e dello sviluppo della polis.

La morte nel mondo greco: da Omero all'età classica

MIRTO, MARIA SERENA
2007

Abstract

La Grecia arcaica e classica ha elaborato riti che rispondono in modo efficace al trauma della morte. L’intera comunità si misura costantemente con i rischi e i vantaggi che possono derivarne, adeguandoli nel tempo alle proprie esigenze. L’evento luttuoso non è mai oggetto di tabù, come accade nel mondo moderno, e può anzi divenire strumento delle ambizioni degli eredi o della propaganda dello stato. Questo volume ripercorre ritualità e convenzioni funerarie greche, di cui illustra i presupposti culturali e religiosi, e soprattutto evidenzia come si vada trasformando l’immagine del destino oltremondano. Soffermandosi poi sulle strategie della memoria, mette a fuoco la tensione fra istanze familiari e pubbliche, ma anche gli usi politico-ideologici della morte e del lutto nel quadro della formazione e dello sviluppo della polis.
Mirto, MARIA SERENA
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11568/113966
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact