Il volume è l'edizione critica e commentata del poemetto in ottave e in terzine di Antonio degli Agostini, notaio di San Miniato che visse a Piombino e che fu testimone oculare dell'assedio che il re di Napoli Alfonso d'Aragona mise alla piccola città degli Appiani nel 1448 (in quel momento governata da Rinaldo Orsini) e che si concluse con la ritirata dell'Aragonese. L'opera aveva visto le stampe nel Settecento nei RRIISS di Muratori: costituisce una fonte di informazioni inedite e occupa un posto, per quanto, piccolo, nella letteratura italiana.

Antonio degli Agostini, Istoria dell'assedio di Piombino del 1448

Marina Riccucci
Co-primo
2021

Abstract

Il volume è l'edizione critica e commentata del poemetto in ottave e in terzine di Antonio degli Agostini, notaio di San Miniato che visse a Piombino e che fu testimone oculare dell'assedio che il re di Napoli Alfonso d'Aragona mise alla piccola città degli Appiani nel 1448 (in quel momento governata da Rinaldo Orsini) e che si concluse con la ritirata dell'Aragonese. L'opera aveva visto le stampe nel Settecento nei RRIISS di Muratori: costituisce una fonte di informazioni inedite e occupa un posto, per quanto, piccolo, nella letteratura italiana.
9788860197832
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/1141274
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact