Del senso, del suono, del ritmo: Góngora e la traduzione impossibile