Il Gorgia e la lira di Anfione