Platone fra musica e letteratura nel II libro delle Leggi