Il metodo XRD per l’osservazione di fenomeni alla scala nanometrica: comportamento a creep e sua propagazione