Ambienti ricettivi familiari o “macchine per curare”?