Riesame, con risultati originali e innovatori, di circostanze e senso politico dell'ascesa di Ariberto da Intimiano all'arcivescovado milanese nel 1018, partendo da un problema cronologico: l'inizio il 29 o 28 marzo, dedotto dalla durata di governo indicata alla sua morte in un catalogo degli arcivescovi. Tradizionalmente interpretato come data della consacrazione, è però liturgicamente improbabile o impossibile, cadendo quell'anno di sabato o addirittura di venerdì, in Quaresima. Non pone invece problemi come data dell'investitura da parte dell'imperatore Enrico II, ricordata più o meno esplicitamente dal vescovo tedesco Thietmar di Merseburg e dal cronista milanese Arnolfo, da quest'ultimo oltre mezzo secolo dopo l'evento e senza data, dal primo quasi a caldo e in coda al concilio di Nimega (16 marzo), ma prima della Pasqua (6 aprile) e sempre nel palazzo regio di Nimega. Dopo la morte (25 febbraio) e il funerale del predecessore e la propria elezione, un viaggio fino a Nimega per l'investitura sarebbe quasi impossibile anche per la velocità degli spostamenti transalpini, se per la consacrazione avesse dovuto rientrare a Milano già il 28 o 29 marzo. Consacrato dunque dopo quella data, ma verosimilmente investito a Nimega a fine marzo dopo essere stato eletto a Milano a fine febbraio, il milanese Ariberto fra i patriarchi e arcivescovi dell'impero nell'età di Enrico II sembra l'unico caso certo di candidato locale da lui ratificato mediante investitura.

Ariberto: arcivescovo per dono dell'autorità imperiale

FASOLA, LIVIA
2009

Abstract

Riesame, con risultati originali e innovatori, di circostanze e senso politico dell'ascesa di Ariberto da Intimiano all'arcivescovado milanese nel 1018, partendo da un problema cronologico: l'inizio il 29 o 28 marzo, dedotto dalla durata di governo indicata alla sua morte in un catalogo degli arcivescovi. Tradizionalmente interpretato come data della consacrazione, è però liturgicamente improbabile o impossibile, cadendo quell'anno di sabato o addirittura di venerdì, in Quaresima. Non pone invece problemi come data dell'investitura da parte dell'imperatore Enrico II, ricordata più o meno esplicitamente dal vescovo tedesco Thietmar di Merseburg e dal cronista milanese Arnolfo, da quest'ultimo oltre mezzo secolo dopo l'evento e senza data, dal primo quasi a caldo e in coda al concilio di Nimega (16 marzo), ma prima della Pasqua (6 aprile) e sempre nel palazzo regio di Nimega. Dopo la morte (25 febbraio) e il funerale del predecessore e la propria elezione, un viaggio fino a Nimega per l'investitura sarebbe quasi impossibile anche per la velocità degli spostamenti transalpini, se per la consacrazione avesse dovuto rientrare a Milano già il 28 o 29 marzo. Consacrato dunque dopo quella data, ma verosimilmente investito a Nimega a fine marzo dopo essere stato eletto a Milano a fine febbraio, il milanese Ariberto fra i patriarchi e arcivescovi dell'impero nell'età di Enrico II sembra l'unico caso certo di candidato locale da lui ratificato mediante investitura.
9788895446042
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/130382
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact