Wittgenstein, Schütz e il problema della soggettività