La trasmissione della memoria da Guccini ad Avatar: un ritorno al futuro?