I limiti oggettivi del giudicato