Esiodo nella memoria di Parmenide