Pur essendo da più di un secolo oggetto di polemiche e terreno di critiche radicali, l'Ercole sul monte Eta può considerarsi l'apice della drammaturgia senecana per il suo spessore problematico e la radicale modernità di concetti. La tragedia, che affronta il segmento finale della saga di Ercole, con la morte e la divinizzazione, è focalizzata attorno alla figura dell'eroe, oggetto di esaltazione e di critica: lungi dall'essere un personaggio esclusivamente positivo, Ercole ha un coraggio e un valore straordinari, ma anche una dose di violenza eccessiva e pericolosa. Voci di discredito si colgono nella reivocazione delle atrocità di cui Iole, l'amante, è stata vittima; nella descrizione dell'incostanza sentimentale; nel confronto fra la condotta eroica nel passato e la riflessione sulla vulnerabilità nel presente. Nel momento tragico della morte Ercole, da eroe simbolo della forza protettiva, si trasforma in un debole essere umano privato del suo potere, tormentato dalla consapevolezza della distruzione della propria reputazione e della cancellazione della sua funzione. Ma la presa di coscienza della causa reale della morte, avvenuta per il compiersi di un oracolo e non per mano di una donna, fa sì che Ercole ritrovi la sua identità e il significato del suo destino e consideri la sua fine non più disonorevole, ma "gloriosa": la morte non vince l'eroe, ma piuttosto lo esalta, ne viene conquistata e ne adempie il desiderio, quello di raggiungere la condizione divina.

Hercules Oetaeus

ROSSI LINGUANTI, ELENA
2000-01-01

Abstract

Pur essendo da più di un secolo oggetto di polemiche e terreno di critiche radicali, l'Ercole sul monte Eta può considerarsi l'apice della drammaturgia senecana per il suo spessore problematico e la radicale modernità di concetti. La tragedia, che affronta il segmento finale della saga di Ercole, con la morte e la divinizzazione, è focalizzata attorno alla figura dell'eroe, oggetto di esaltazione e di critica: lungi dall'essere un personaggio esclusivamente positivo, Ercole ha un coraggio e un valore straordinari, ma anche una dose di violenza eccessiva e pericolosa. Voci di discredito si colgono nella reivocazione delle atrocità di cui Iole, l'amante, è stata vittima; nella descrizione dell'incostanza sentimentale; nel confronto fra la condotta eroica nel passato e la riflessione sulla vulnerabilità nel presente. Nel momento tragico della morte Ercole, da eroe simbolo della forza protettiva, si trasforma in un debole essere umano privato del suo potere, tormentato dalla consapevolezza della distruzione della propria reputazione e della cancellazione della sua funzione. Ma la presa di coscienza della causa reale della morte, avvenuta per il compiersi di un oracolo e non per mano di una donna, fa sì che Ercole ritrovi la sua identità e il significato del suo destino e consideri la sua fine non più disonorevole, ma "gloriosa": la morte non vince l'eroe, ma piuttosto lo esalta, ne viene conquistata e ne adempie il desiderio, quello di raggiungere la condizione divina.
8817865885
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2000. seneca.monte eta.pdf

solo utenti autorizzati

Descrizione: PDF
Tipologia: Versione finale editoriale
Licenza: Importato da Ugov Ricerca - Accesso privato/ristretto
Dimensione 8.95 MB
Formato Adobe PDF
8.95 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11568/166439
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact