Su due possibili testimonianze dirette del britannico antico