Sull'ottimizzazione dell'involucro opaco degli edifici: parte prima