Il “cocktail party effect” e l’acustica dei ristoranti. Un caso di studio