La ricerca intrapresa dagli autori ha come obiettivo la realizzazione di un “orecchio virtuale”, ovvero di un modello “completo” psico-acustico della percezione uditiva umana, che tenga conto di contributi alternativi alla via aerea normale quali contributi derivanti da vie tissutali (in particolare ossee) e fluide e contributi a frequenze ultrasoniche ed infrasoniche. Dato che risulta necessario studiare tecniche specifiche di modellazione e simulazione per ciascuna parte anatomica, nel presente lavoro sono stati approfonditi ed applicati a geometrie semplificate bidimensionali e tridimensionali dell’orecchio esterno, alcuni metodi (principalmente metodo ad elementi finiti spettrali (SFE), metodo ad elementi finiti generalizzato (GFEM)) di generalizzazione ed estensione del metodo agli elementi finiti classico (FEM) (principalmente metodo ad elementi finiti spettrali (SFE), metodo ad elementi finiti generalizzato (GFEM)). Tali metodi permettono di ottenere un’elevata accuratezza dei risultati delle simulazioni di trasmissione acustica con numero inferiore di nodi della meshdiscretizzazione rispetto alla regola convenzionalmente accettata per il FEM di dieci punti per lunghezza d’ondaun costo computazionale inferiore rispetto ai metodi tradizionali.

Studio di fattibilità di un orecchio virtuale

BARTOLI, CARLO;DI PUCCIO, FRANCESCA;FORTE, PAOLA;
2009

Abstract

La ricerca intrapresa dagli autori ha come obiettivo la realizzazione di un “orecchio virtuale”, ovvero di un modello “completo” psico-acustico della percezione uditiva umana, che tenga conto di contributi alternativi alla via aerea normale quali contributi derivanti da vie tissutali (in particolare ossee) e fluide e contributi a frequenze ultrasoniche ed infrasoniche. Dato che risulta necessario studiare tecniche specifiche di modellazione e simulazione per ciascuna parte anatomica, nel presente lavoro sono stati approfonditi ed applicati a geometrie semplificate bidimensionali e tridimensionali dell’orecchio esterno, alcuni metodi (principalmente metodo ad elementi finiti spettrali (SFE), metodo ad elementi finiti generalizzato (GFEM)) di generalizzazione ed estensione del metodo agli elementi finiti classico (FEM) (principalmente metodo ad elementi finiti spettrali (SFE), metodo ad elementi finiti generalizzato (GFEM)). Tali metodi permettono di ottenere un’elevata accuratezza dei risultati delle simulazioni di trasmissione acustica con numero inferiore di nodi della meshdiscretizzazione rispetto alla regola convenzionalmente accettata per il FEM di dieci punti per lunghezza d’ondaun costo computazionale inferiore rispetto ai metodi tradizionali.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/200603
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact