Qualche considerazione sul comportamento limite di sistemi di equazioni differenziali ordinarie del II ordine