Uso e limiti degli studi geografici di mortalità