Il "Terzo Uomo" nelle Confutazioni Sofistiche