Il Presidente della Repubblica non è del tutto libero nella scelta dei giudici della Corte costituzionale, poiché la sua autonomia funziona come una spada di Damocle verso la stessa Corte.

L’acrobata costituzionale di Re Giorgio

CONTI, GIAN LUCA
2013

Abstract

Il Presidente della Repubblica non è del tutto libero nella scelta dei giudici della Corte costituzionale, poiché la sua autonomia funziona come una spada di Damocle verso la stessa Corte.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/291947
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact