Negazione senza rivoluzione: lettura di Adorno