La soggettività nel racconto. Proust e Svevo