Riscritture d'attori dell'Ottocento. Alfieri fra Modena e Salvini