In polemica contro certe tendenze del primo romanticismo tedesco quali il misticismo religioso e l’idealizzazione del Medioevo cristiano e dell’Europa premoderna, il protagonista di questo poemetto satirico di Schelling (scritto nel 1799, ma pubblicato postumo) fa una professione di fede «epicurea», cioè naturalista ed edonista. Questa nuova traduzione è in versi e rime (baciate, come nell’originale, il che contribuisce non poco al tono per lo più burlesco). L’introduzione inquadra il poemetto nel suo contesto storico, ne chiarisce le molte allusioni (a Novalis, a Schleiermacher, etc.) e ne mette in luce il significato filosofico.

F. W. J. Schelling, Professione di fede epicurea di Heinz Widerporst

AMOROSO, LEONARDO
2013

Abstract

In polemica contro certe tendenze del primo romanticismo tedesco quali il misticismo religioso e l’idealizzazione del Medioevo cristiano e dell’Europa premoderna, il protagonista di questo poemetto satirico di Schelling (scritto nel 1799, ma pubblicato postumo) fa una professione di fede «epicurea», cioè naturalista ed edonista. Questa nuova traduzione è in versi e rime (baciate, come nell’originale, il che contribuisce non poco al tono per lo più burlesco). L’introduzione inquadra il poemetto nel suo contesto storico, ne chiarisce le molte allusioni (a Novalis, a Schleiermacher, etc.) e ne mette in luce il significato filosofico.
978-884675370-6
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/386474
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact