R.de Gourmont: l'idea dell'intellettuale e la crisi del romanzo