Il ceto dirigente fiorentino dagli "anni francesi" all'Unità