“La sismografia storica parte dall’osservazione degli effetti dei terremoti sull’edificato esistente ricercando le peculiarità specifiche delle culture sismiche locali, con l’obiettivo di conservare la memoria delle caratteristiche costruttive dell’architettura vernacolare dei piccoli centri storici; essa si pone pertanto a supporto sia delle analisi di vulnerabilità degli edifici esistenti, sia degli studi sul rischio sismico dei centri urbani”. La sismografia storica assume come fonte primaria le caratteristiche e il comportamento dell'edificato nelle aree esposte a rischio sismico, interpretando analiticamente ogni edificio come se fosse il sismogramma di se stesso. Il volume raccoglie i risultati dell’osservazione sul campo dei luoghi abitati della Valtiberina Toscana, considerata a forte rischio sismico. L’area di studio comprende i territori comunali di Monterchi, Anghiari, Sansepolcro, Caprese Michelangelo, Pieve Santo Stefano, Badia Tedalda e Sestino, che corrispondono all’alta valle del Tevere. La ricerca indaga attraverso verifiche in situ la presenza nell’edificato storico vernacolare di tecniche antisismiche tradizionali.

Valtiberina Toscana: paradigmi di sismografia storica applicata

ULIVIERI, DENISE
2014

Abstract

“La sismografia storica parte dall’osservazione degli effetti dei terremoti sull’edificato esistente ricercando le peculiarità specifiche delle culture sismiche locali, con l’obiettivo di conservare la memoria delle caratteristiche costruttive dell’architettura vernacolare dei piccoli centri storici; essa si pone pertanto a supporto sia delle analisi di vulnerabilità degli edifici esistenti, sia degli studi sul rischio sismico dei centri urbani”. La sismografia storica assume come fonte primaria le caratteristiche e il comportamento dell'edificato nelle aree esposte a rischio sismico, interpretando analiticamente ogni edificio come se fosse il sismogramma di se stesso. Il volume raccoglie i risultati dell’osservazione sul campo dei luoghi abitati della Valtiberina Toscana, considerata a forte rischio sismico. L’area di studio comprende i territori comunali di Monterchi, Anghiari, Sansepolcro, Caprese Michelangelo, Pieve Santo Stefano, Badia Tedalda e Sestino, che corrispondono all’alta valle del Tevere. La ricerca indaga attraverso verifiche in situ la presenza nell’edificato storico vernacolare di tecniche antisismiche tradizionali.
Ulivieri, Denise
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11568/814426
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact