La malattia della “orfanezza spirituale” e l’anestetico della Rete