Negazione e argomentazione indicano modalità diverse di concepire la teoria sociale. Theodor W. Adorno e Jürgen Habermas interpretano una divaricazione che si compie su molteplici piani, dalla fondazione della conoscenza alle funzioni della critica, dallo stile espositivo al giudizio sulla condizione moderna. Ma se, per un verso, resta problematica la vulgata esistente di un’unica “Scuola di Francoforte”, ciò che tuttavia collega questi protagonisti della teoria critica, appartenenti a generazioni differenti, è un moral point of view cui tocca ricostruire le condizioni esistenziali degli individui e la logica dei sistemi sociali dal punto di vista di un’idea di libertà e giustizia. Da questa prospettiva normativa, la critica può denunciare lo stato di oppressione storicamente superflua e condannare i rapporti sociali che sradicano le radici solidaristiche della convivenza umana. Per ciascuno dei grandi esponenti della teoria critica, infine, questo compito non è discrezionale, ma richiama il dovere di trasmettere da una generazione all’altra la memoria storica di una società migliore.

Negazione e argomentazione. La teoria critica di Adorno e Habermas

Corchia Luca
Primo
;
Fiorenza Ratti
2018

Abstract

Negazione e argomentazione indicano modalità diverse di concepire la teoria sociale. Theodor W. Adorno e Jürgen Habermas interpretano una divaricazione che si compie su molteplici piani, dalla fondazione della conoscenza alle funzioni della critica, dallo stile espositivo al giudizio sulla condizione moderna. Ma se, per un verso, resta problematica la vulgata esistente di un’unica “Scuola di Francoforte”, ciò che tuttavia collega questi protagonisti della teoria critica, appartenenti a generazioni differenti, è un moral point of view cui tocca ricostruire le condizioni esistenziali degli individui e la logica dei sistemi sociali dal punto di vista di un’idea di libertà e giustizia. Da questa prospettiva normativa, la critica può denunciare lo stato di oppressione storicamente superflua e condannare i rapporti sociali che sradicano le radici solidaristiche della convivenza umana. Per ciascuno dei grandi esponenti della teoria critica, infine, questo compito non è discrezionale, ma richiama il dovere di trasmettere da una generazione all’altra la memoria storica di una società migliore.
9788899312459
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/931872
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact