Le mafie sono da sempre un soggetto fondato sulla cultura dell’esclusione e della risoluzione violenta dei conflitti. Nella lotta contro queste organizzazioni, le pubbliche amministrazioni svolgono un ruolo decisivo, soprattutto nella promozione di una cultura alternativa: quella della legalità democratica. Ma quali sono gli strumenti più opportuni? La ricerca suggerisce un approccio che collega sperimentalmente ambiti di ricerca finora autonomi (processi partecipativi nelle pubbliche amministrazioni, la gestione creativa del conflitto e il contrasto alle mafie): alla ricerca di un “metodo” positivo della democrazia, della legalità e della società plurale.

Gestione del conflitto e contrasto alle mafie

Antonelli, Marco
2013

Abstract

Le mafie sono da sempre un soggetto fondato sulla cultura dell’esclusione e della risoluzione violenta dei conflitti. Nella lotta contro queste organizzazioni, le pubbliche amministrazioni svolgono un ruolo decisivo, soprattutto nella promozione di una cultura alternativa: quella della legalità democratica. Ma quali sono gli strumenti più opportuni? La ricerca suggerisce un approccio che collega sperimentalmente ambiti di ricerca finora autonomi (processi partecipativi nelle pubbliche amministrazioni, la gestione creativa del conflitto e il contrasto alle mafie): alla ricerca di un “metodo” positivo della democrazia, della legalità e della società plurale.
Antonelli, Marco
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/933645
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact