Il santuario di Baal Hammon-Saturno ad Althiburos in Tunisia, impiantato fin dal II secolo a.C., conosce nei secoli profonde modifiche planimetriche e architettoniche. Le trasformazioni più radicali sono realizzate in piena età vandala, tra la fine del V e l’inizio del VI secolo d.C., quando un grandioso complesso monumentale, la cui interpretazione risulta ancora assai sfuggente, ingloba e amplia le strutture dell’antico santuario; nuovi interventi segnalano poi la frequentazione dell’area in età bizantina, fino alla distruzione definitiva nel VII secolo d.C.

Il santuario di Baal Hammon-Saturno Africano ad Althiburos. La trasformazione di un edificio di culto in età tardoantica

Fabiani F.;
In corso di stampa

Abstract

Il santuario di Baal Hammon-Saturno ad Althiburos in Tunisia, impiantato fin dal II secolo a.C., conosce nei secoli profonde modifiche planimetriche e architettoniche. Le trasformazioni più radicali sono realizzate in piena età vandala, tra la fine del V e l’inizio del VI secolo d.C., quando un grandioso complesso monumentale, la cui interpretazione risulta ancora assai sfuggente, ingloba e amplia le strutture dell’antico santuario; nuovi interventi segnalano poi la frequentazione dell’area in età bizantina, fino alla distruzione definitiva nel VII secolo d.C.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/936434
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact