Lo “spazio” degli storici