Sul destinatario del sonetto petrarchesco "La gola e 'l somno et l'otiose piume"