Nell’ambito della linea di ricerca perseguita da anni su opere di argomento medico, veterinario, botanico espresse nei volgari romanzi e condotta al fine di ampliare le conoscenze letterarie e linguistiche dell’epoca medievale, il lavoro rende conto della individuazione all’interno di due codici già oggetto di studio (Basilea, Bibl. de l’Univ. D II 11 e Chantilly, Musée Condé 330) di due testimoni di un testo relativo all’anatomia del maiale, che viene riconosciuto come il volgarizzamento di un’operetta di ambito salernitano, l’Anatomia porci. Da un lato viene considerato il rapporto con la fonte dell’operetta, di cui viene brevemente tracciata la storia, e sono evidenziate coincidenze e differenze con alcuni testimoni appartenenti alla tradizione latina; dall’altro sono analizzate comparativamente e in modo puntuale le due versioni occitane, che mostrano concordanze tali da far postulare l’esistenza di un antigrafo comune. Viene preso in considerazione, infine, il lessico anatomico e patologico utilizzato nel volgarizzamento occitano, del quale si fornisce il glossario completo; alcune voci di particolare interesse, perché prive di corrispondenza in altra produzione testuale occitana, sono oggetto di commento linguistico. Seguono le edizioni interpretative dei due testimoni, presentate sinotticamente anche in relazione alla fonte latina.

Due testimoni occitanici della Anatomia porci attribuita a Cofone salernitano

CORRADINI, MARIA SOFIA
2006

Abstract

Nell’ambito della linea di ricerca perseguita da anni su opere di argomento medico, veterinario, botanico espresse nei volgari romanzi e condotta al fine di ampliare le conoscenze letterarie e linguistiche dell’epoca medievale, il lavoro rende conto della individuazione all’interno di due codici già oggetto di studio (Basilea, Bibl. de l’Univ. D II 11 e Chantilly, Musée Condé 330) di due testimoni di un testo relativo all’anatomia del maiale, che viene riconosciuto come il volgarizzamento di un’operetta di ambito salernitano, l’Anatomia porci. Da un lato viene considerato il rapporto con la fonte dell’operetta, di cui viene brevemente tracciata la storia, e sono evidenziate coincidenze e differenze con alcuni testimoni appartenenti alla tradizione latina; dall’altro sono analizzate comparativamente e in modo puntuale le due versioni occitane, che mostrano concordanze tali da far postulare l’esistenza di un antigrafo comune. Viene preso in considerazione, infine, il lessico anatomico e patologico utilizzato nel volgarizzamento occitano, del quale si fornisce il glossario completo; alcune voci di particolare interesse, perché prive di corrispondenza in altra produzione testuale occitana, sono oggetto di commento linguistico. Seguono le edizioni interpretative dei due testimoni, presentate sinotticamente anche in relazione alla fonte latina.
Corradini, MARIA SOFIA
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11568/102055
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact