Diavolo d'un automa. Sulla "magia artificiale" di Manfredo Settala