I piaceri del pluralismo: l’anticipazione intersoggettiva, il funzionamento
 delle spiegazioni e la conversazione come guerra di tutti contro tutti