Il dialetto di Sparta fra cedimento e restaurazione