Sui testi romanzi medievali in grafia greca come fonte di informazione linguistica