Il lavoro “a giornate” su “Una lapide in via Mazzini”