“Una lapide in via Mazzini” di Giorgio Bassani. Per una poetica della riscrittura