Un test di elevata “scientificità” e un inedito banco di prova per la “civiltà” del processo